L’olfatto e l’attrazione fisica

In Australia è stata effettuata una ricerca molto particolare, sembrerebbe che le donne in generale siano più attratte da maschi che si alimentano principalmente con verdura e frutta ma semplicemente per una questione di olfatto.

Non è un mistero che il nostro olfatto influisce molte volte le nostre scelte di vita anche in maniera del tutto inconscia, stimola i ricordi, influenza i rapporti sociali e non di minore importanza, da vita o spegne l’eccitazione sessuale e questo rappresenta un ruolo chiave in ambito riproduzione.

E’ stato da poco pubblicato uno studio su Evolution and Human Behavior che è andato oltre a queste semplici spiegazioni.

Da questo studio si evince che le donne trovano molto più attraenti, sotto il punto di vista olfattivo gli uomini che seguono una dieta ricca di pigmenti organici, carotenoidi e che mangiano molta frutta e verdura che danno anche alla pelle un colorito molto più sano alla vista.

nello specifico la ricerca è stata effettuata da un team di psicologi della Macquarie University di Sydney, in Australia, il test consisteva nel far annusare ad un campione di donne il sudore relativo ad alcuni uomini.

Tutti i maschi che avevano una dieta ricca di frutta e verdura con moderate quantità di grassi e proteine sono risultati i migliori sotto il punto di vista olfattivo rispetto a tutti quelli che si alimentavano con molti carboidrati.

Ma questi studi valgono anche per le donne?

A tal proposito i ricercatori hanno spiegato il perché hanno condotto lo studio a senso unico, perché le donne sono molto più responsabili sotto il punto alimentare e fisico e sono molto più sensibili agli odori in confronto agli uomini.

Comunque alla fine il messaggio è molto chiaro, se siete alla ricerca di una compagna non abusate con l’alimentazione da fast food ma recatevi molto più spesso dal fruttivendolo.

Cosa è lo sperma

Chissà se alcuni di voi si sono mai chiesti da cosa è composto lo sperma e come cambia il suo sapore in base a come ci alimentiamo?

Fin dalla notte dei tempi questo nettare rappresenta una vera e propria magia che lo rende la star indiscussa di tutti gli incontri amorosi, molti uomini sognano il famoso ingoio fato dalla propria partner.

Ma ora passiamo alla vera e propria composizione chimica di questo liquido della passione.

Da cosa è composto

All’interno troviamo antigeni del sangue, colesterolo, cloro, acido ascorbico, creatina, acido citrico, fruttosio, magnesio, acido lattico, aboutonia, potassio, piramidina, sodio, fosforo, zinco, azoto, acido urico, urea e vitamina B12, ovviamente ogni singola quantità di questi elementi è molto piccola.

La media di ogni eiaculazione in quantità corrisponde a circa due cucchiai da cucina e corrisponde ad un contenuto calorico di 15 calorie.

Che gusto ha?

Il tutto è direttamente legato alla nostra personale alimentazione, per esempio se volgiamo renderlo meno salato basta bere molta acqua oppure assumere dei diuretici, la diretta responsabile è la caffeina.

Se invece il vostro sperma ha un gusto prettamente amaro allora questo può derivare dall’assunzione di zenzero, in questo caso potrete andare ad agire sui livelli di testosterone presenti nel vostro corpo.

Curiosità

– Da studi effettuati quando lo sperma è sano è caratterizzato da un profumo simile a quello dei fiori di castagno.

– Ogni testicolo riesce a produrre circa 1.000 spermatozoi al secondo e questi per avanzare di un solo centimetro devono effettuare migliaia di movimenti con la loro codina.

– La velocità con cui viene espulso lo sperma si aggira attorno ai 20 chilometri orari.

Fa male?

Facendo riferimento alla “semeterapia” che rappresenta un’antichissima disciplina condotta dalle medicine non tradizionali molto diffusa nel Medio Oriente con in prima linea il Giappone.

Questa pratica dice che un consumo regolare di seme maschile, paragonata alla pappa reale, visti i valori nutrizionali e vista l’alta assimilabilità dovuta al fatto che è di origine umana, aiuta di gran lunga tutte le necessità del nostro organismo.

In poche parole, una goccia di sperma viene paragonata alla mela al giorno che toglie il medico di torno, l’importante è stare attenti alle malattie sessualmente trasmissibili come la gonorrea o l’epatite B e C.

Quindi la cosa più importante è quella di accertarsi che l’eventuale donatore sia sano, il problema non sussiste nelle coppie stabili, in tutti gli altri casi sarebbe consigliabile effettuare delle analisi specifiche.

Come recensire al meglio un club privè

In questo articolo vi spiegheremo come poter fare delle recensioni sui club privè in maniera giusta ed appropriata in modo tale da poter fare una recensione reale, obiettiva ed appropriata.

Oramai l’utente effettua recensioni su tutto ciò che acquista, ristoranti, cibi, alberghi, venditori e persino le escort ed i locali adibiti agli scambi di coppia non potevano certo essere da meno.

Di per se lasciare una recensione non è molto facile, bisogna essere obiettivi e valutare le cose in maniera distaccata senza basarsi sui propri gusti, pensate se dovete fare una recensione ad un club privè magari con l’aggravante di essere una coppia alle prime armi.

adesso passiamo ai punti che dovrete osservare per poi dare un giudizio.

Pulizia

Sappiamo bene tutti che comunque la promiscuità è sempre un fattore ad alto rischio per quanto riguarda la trasmissione di eventuali malattie quindi questo secondo noi è un fattore molto importante da osservare e giudicare.

Per esempio il semplice cambio di lenzuola deve essere sempre effettuato e se vi trovate in un club dove questa semplice pratica viene trascurata allora dovete farlo subito presente.

All’interno del club dovranno essere anche presenti erogatori di disinfettante tipo Amuchina, magari posizionati all’entrata di ogni stanza, il club che offre questo servizio deve essere elogiato a tutti i costi.

Sicurezza

Ovviamente essendo un luogo frequentato da molte persone, può capitare che sia presente anche lo stupido di turno, oppure il personaggio che beve un goccio di troppo, ecco che il fatto di presenziare il locale con del personale adibito alla sicurezza risulta essere di vitale importanza.

Il solo proprietario non può gestire da solo tali situazioni, vi è l’esigenza di personale specializzato che faccia soltanto quello durante la serata.

Clientela

Elogiamo quei club che prediligono la qualità alla quantità, meglio pochi ma buoni, la pulizia, l’educazione e la bellezza devono essere fattori imprescindibili nella valutazione di un eventuale cliente prima di farlo accedere al locale.

La tipologia di clientela presente in un club diventa il fattore predominante nella valutazione del club stesso perché tutti noi vorremmo stare in un luogo frequentato da bella gente, pulita ed educata.

Accoglienza

Ponete il caso che sia la prima volta che vi recate in un locale del genere, in questo caso l’accoglienza del gestore è molto importante, il proprietario non deve limitarsi ad aprire la cassa ma dovrebbe farci fare un vero e proprio tour del locale magari presentandoci anche gli altri soci presenti nel club.

Facendo in questo modo si riuscirà a mettere a proprio agio la coppia in erba aumentando allo stesso modo la socializzazione fra i soci, questo è un’aspetto molto importante nella fidelizzazione del cliente e sicuramente lascerà un buon ricordo della serata.

Privacy

Questa deve essere tutelata al massimo, si potrebbero incontrare persone che si conoscono e questo deve avvenire già da quando si parcheggia l’auto, deve essere un luogo riservato agli associati e deve essere sgombro da eventuali sguardi curiosi.

Pensate che in svariati club si può lasciare detto alla reception di avvertirvi se entrano determinati singoli appartenenti alla vostra stessa città, in modo tale da non dover incontrare persone che si conoscono, in questo caso la coppia viene fatta uscire da una porta di servizio ma purtroppo questo è un servizio che in pochi offrono.

Questi secondo noi sono i punti fondamentali da osservare quando ci si reca in un club privè, buon divertimento e buona trasgressione a tutti.

Selezione dei migliori club privè a Roma.